Anguria, mon amour


Dal 21 giugno è ufficialmente iniziata l’estate e con l’arrivo del caldo non si più non parlare del frutto più amato e desiderato di questa stagione.

L’anguria cocomero è uno dei frutti dissetanti per eccellenza (è infatti ricchissima di acqua) ed appartiene alla famiglia delle cucurbitacee, come la zucca e il cetriolo. Il suo nome scientifico è citrullus vulgaris e la sua origine è antica. Proviene dall’Africa e le prime testimonianze della presenza dell’anguria si ritrovano già nell’Antico Egitto, perché gli Egizi collocavano le angurie nelle tombe dei Faraoni affinché se ne cibassero nella vita ultraterrena.

anguria egitto

E’ un frutto sicuramente gradito a chi ha problemi di peso perché ha pochissime calorie. Grazie alle sue proprietà, tra cui l’assoluta assenza di grassi, l’anguria, insieme all’ananas, è uno degli alimenti più efficaci per contrastare e combattere gli inestetismi della cellulite. È un frutto che dovrebbe sempre essere presente nella dieta, soprattutto se ipocalorica, perché sazia, facilita la diuresi e la disintossicazione dell’organismo. Dal punto di vista nutrizionale le angurie sono ricche di vitamina A, C e B6, quest’ultima molto importante per la salute del sistema immunitario e per il funzionamento del sistema nervoso. Mentre i sali minerali maggiormente presenti sono fosforo, magnesiopotassio, utili per contrastare il senso di stanchezza e spossatezza, che frequentemente si presenta nei periodi particolarmente caldi. Non meno importanti sono le proprietà antiossidanti che derivano dalla presenza dei carotenoidi, soprattutto il licopene (presente anche nei pomodori), in grado di combattere i radicali liberi. Da ricordare, infine, sono le proprietà benefiche e protettive nei confronti del fegato e delle vie respiratorie

cocomero

Annunci